critical-a2
Un progetto europeo sulla revisione critica dei curriculi
Per capire il nostro pianeta non basta un articolo sul giornale, una conferenza o una giornata scolastica sui temi della mondialità. Trascorriamo due ore seduti a seguire un dibattito sulla pace e poi per tutti gli anni passati in aula studiamo la storia concentrandoci sulle guerre... spendiamo mezz'ora a leggere un articolo sull'emergere del Brasile e del Sudafrica, ma in tutti i cicli scolastici del Brasile o del Sudafrica non si parla.
 Per uscire da queste gabbie mentali occorre un nuovo insegnamento che per i 13 anni trascorsi dietro i banchi sappia far ragionare giorno dopo giorno sul mondo sui collegamenti delle vicende planetarie con il qui e ora. E questo nuovo insegnamento non va condotto al di fuori delle ore di lezione. É durante l'ora di storia, di geografia, di economia che si può imparare il globale e il locale, i fatti e il modo di interpretarli... ma a patto che i curricoli delle diverse materie e i testi scolastici aiutino gli insegnanti e gli studenti.
 Il progetto Critical Review, di cui ACCRI è partner, farà questo. Dal 2013 al 2016 promuoverà in 6 Paesi europei il rinnovamento dell'insegnamento di storia, geografia ed economia in oltre 100 scuole. Il risultati saranno: Unità di apprendimento interdisciplinari sperimentate nelle scuole; Documenti sui nuovi approcci all'insegnamento; un rapporto più stretto tra ONG, Scuole, Università, Autorità educative e Case editrici sui temi di una didattica adatta alla società mondiale.
Il progetto “Critical review of the historical and social disciplines for a formal education suited to the global society” - Ref. DCI-NSAED/2012/280-225 è finanziato dall'Unione europea attraverso il programma Europeaid, e gode di un contributo della Regione Marche
This publication has been produced with the assistance of the European Union. The contents of this publication are the sole responsibility of name of the author/contractor/implementing partner/ international organisation and can in no way be taken to reflect the views of the European Union.
Scarica il programma del seminario
(english version)
Translate »