Se non visualizzi correttamente la newsletter clicca qui
Share
Tweet
Forward
+1
Share

POLITICHE FOSSILI
Referendum per fermare le trivelle
 
Ciao *|FNAME|*,
Dopo il referendum per l’acqua pubblica, quello per fermare le trivelle è un altro appuntamento per i cittadini italiani:  lanciare un chiaro messaggio alla politica a favore della salvaguardia dei beni comuni. Partecipare al referendum sulle trivelle significa ridare voce anche al referendum sull’acqua, disatteso dalla politica da ben 5 anni.
Fermare le trivelle significa avere consapevolezza che dobbiamo cambiare il sistema, non cambiare il clima! Dobbiamo agire per ridurre gli effetti del cambiamento climatico attraverso un nuovo modello di produzione e consumo di energia, diminuendo sempre di più l’utilizzo di carburanti fossili da sostituire con energie rinnovabili e adottando stili di vita più sobri e capaci di migliorare la qualità della nostra vita. In questo modo ridurremmo anche il debito ecologico che abbiamo creato a danno dei popoli del Sud del mondo, che subiscono e soffrono ogni giorno di più gli effetti disastrosi degli eventi climatici.
Ti invitiamo ad agire, diffondere l’informazione e sensibilizzare i cittadini del territorio sul quesito referendario, affinché si vada a votare per il referendum del 17 aprile 2016 e a VOTARE SI' per abrogare la norma - introdotta con l’ultima Legge di Stabilità -  che toglie la scadenza alle attuali concessioni di estrazione e di ricerca di petrolio e gas. La Legge di Stabilità 2016, infatti, pur vietando il rilascio di nuove autorizzazioni, entro le 12 miglia dalla costa, rende sine die le licenze già rilasciate in quel perimetro di mare.
Il vero quesito è: “vuoi che l’Italia investa sull’efficienza energetica, sul 100% di fonti rinnovabili, sulla ricerca e l’innovazione?” e, come FOCSIV aggiungiamo, “vuoi che l’Italia sia il Paese che tutela i beni comuni, la giustizia sociale e climatica?”.
[Leggi tutto il comunicato di FOCSIV]
"IL GESTO E LA GENESI"
 
Nell'ambito della Festa della Poesia e della Letteratura, promossa dall'associazione Poesia e solidarietà con cui l'ACCRI collabora, che si svolgerà a Trieste dal 15 al 20 marzo, sarà visitabile presso la sala Giubileo, in Riva III novembre, la mostra fotografica collettiva "Il gesto e la genesi"... [leggi tutto]
PROGETTO IN ECUADOR
 
Nel quartiere di Las Malvinas, a Guayaquil, il centro “Nueva Vida” prosegue con le sue attività formative a favore delle giovani ragazze madri e donne impegnate nei laboratori di sartoria, pasticceria e artigianato.
Il 2016 è iniziato nel migliore dei modi: nel mese di...
[leggi tutto]
NO AI MINERALI INSANGUINATI
 
Il Consiglio dell'UE si oppone ad una legge sulla tracciabilità basata su un approccio obbligatorio, mentre è a favore di un sistema volontario, che non è sufficiente a risolvere la questione dei minerali delle aree di conflitto e a garantire che dietro i dispositivi elettronici  non si nascondano crimini e.... [leggi tutto]
IL 5x1000 PER L'ACCRI
 
La camicetta origami, "Non tutti nascono con la camicia", per campagna dell'ACCRI per il 5x1000, ideata qualche anno fa dai nostri amici Elena e Tomohiro, è piccola e comoda da infilare nel portafogli per essere usata al momento opportuno.
Vuoi imparare anche tu a piegarla (guarda il video tutorial) e a distribuirla?
Anche questo è un contributo importante..
.
[leggi tutto]
CLICCA QUI
DONA ORA!
Leggi l'ultimo numero di ACCRInforma!
Share
Tweet
Forward
+1
Share
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questa newsletter sono rilasciati sotto
Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia