Protagoniste

Protagoniste

Ogni progetto, ogni attività dell’ACCRI in Kenya coinvolge ed ha come principali protagoniste le donne. Nelle realtà rurali di Iriamurai e di Mutuobare, dove il nostro team lavora, le donne giocano un ruolo fondamentale. Sono loro a creare i gruppi di mutuo-aiuto, che si incontrano periodicamente per condividere idee e proposte per progetti comuni di agricoltura, allevamento, gestione del denaro e dei risparmi. Sono le donne che, in un contesto così difficile, soprattutto per quanto riguarda la gestione e la presenza dell’acqua, si occupano di reperirla quotidianamente per il mantenimento della propria famiglia. Ogni giorno sono le donne che, a piedi o con gli asini, camminano per chilometri fino alle fonti idriche più vicine.

Nonostante questo ruolo cardine nella vita famigliare e nella vita comunitaria del Kenya rurale, basta davvero poco per ridurre la loro centralità e importanza. La presenza di un uomo in un gruppo è sufficiente per accentrare importanza e priorità di parola, per esempio. O ancora, le donne non possono essere le proprietarie di capi di bestiame dal valore economico elevato (ad esempio le mucche), anche se sono loro ad occuparsene.

Nel lavoro dell’ACCRI abbiamo incontrato e coinvolto donne presidi di scuole che gestiscono team di donne e uomini con serietà e autorevolezza; capi di dipartimento, di ministeri che con precisone  e disponibilità ci aiutano a portare avanti le nostre attività, mettendo a disposizione le loro competenze e professionalità; abbiamo leader di gruppi di agricoltori e allevatori, basti pensare ai nostri gruppi PIC (Projet Implementation Committee) e al nostro nuovo PIC Executive capitanato da sole donne, che stimolano e motivano gli altri partecipanti a nuove attività e a nuovi progetti. Durante la raccolta dati per riabilitare pozzi e dighe, molto spesso il nostro team ha avuto come principali portatori di informazioni (spesso anche di tipo tecnico) le donne, principali utenti e conoscitrici di queste strutture. È sempre un po’ triste doverlo precisare, ma possiamo dire con orgoglio che nessuno di noi si sforza per coinvolgere più donne possibili “per fare numero”: semplicemente ci sono, sono tante e sono persone in gamba, capaci e competenti che meritano la nostra fiducia e di cui abbiamo bisogno per lavorare nel miglior modo possibile.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *