TUTTI IN CAMPO!

TUTTI IN CAMPO!

Ah lo sport! Cosa c’è di meglio per riunire le persone e fare nuove conoscenze?

Tutto è iniziato da una visita alla Fazenda de Esperança, per introdurre il nuovo volontario, Michele, e il team dall’Italia in visita. In questa bella realtà, che si trova a pochi chilometri dalla nostra amata Iriamurai, vengono seguiti giovani con problemi di dipendenza, che attraverso il lavoro e la fede cercano di cambiare le loro vite per il meglio.

Lo sport è ovviamente un momento di aggregazione che in un contesto simile non può mancare. Ai volontari, Gabriele e Lavinia, era infatti già capitato di recarsi in Fazenda, dopo lavoro, per una partita di calcio o di pallavolo con i ragazzi, in un clima informale. Ma questa volta la posta in gioco si è alzata.

La posta in gioco

È stato proposto ai volontari di partecipare ad una partita di calcio domenicale, tra la squadra composta dagli ospiti della Fazenda (con Gabriele e Michele) proprio contro la squadra di Iriamurai! Come rifiutare?

Arrivato il giorno stabilito per l’incontro, è stato evidente l’impegno profuso nell’organizzazione dell’evento. Stessa divisa, arbitro e guardalinee presenti e tutti quanti intenti a riscaldarsi durante il pre-partita! Ahimè la differenza di preparazione tra le due squadre si è fatta sentire e il match si è concluso 6 a 1!

Ma il risultato conta fino ad un certo punto, ed è stato un bel modo per inserirsi in una attività della comunità, fuori dall’orario di lavoro. Anche i volontari son stati contenti di partecipare e già fare attività fisica per un’ora, senza svenimenti, è stato un traguardo. Badate bene che ad un certo punto, stremati, hanno dovuto chiedere il cambio.

Toccherà riorganizzarsi e frequentare più spesso la Fazenda per allenarsi se davvero hanno intenzione di riscattarsi e di rilanciare la sfida alla preparatissima squadra di Iriamurai.

Il post-partita

Ma anche il post-partita è stata una occasione per prendersi un momento di consapevolezza di quanto si è fatto e del momento presente, in pieno stile kenyano.

I padroni di casa, la squadra di Iriamurai, hanno ringraziato gli ospiti, sottolineando l’importanza dello stare insieme, di un confronto alla pari e il valore della bella giornata trascorsa insieme.

Moralmente è stata una vittoria per tutti, ma fisicamente una sconfitta per i volontari. A giorni di distanza, infatti, sentono ancora le conseguenze degli sforzi fatti per segnare quell’unico goal.

Ma è pur sempre un punto di partenza.

Cosa ne sarà di loro adesso? Percorreranno la via più ardua e inizieranno ad allenarsi seriamente con la Fazenda, partendo da zero, o coglieranno l’invito per unirsi alla già rodata squadra di Iriamurai?

Continuate a seguirci per scoprirlo!

Puoi contribuire alla realizzazione dei progetti con una donazione e con i REGALI SOLIDALI!

Vai alla pagina del progetto in Kenya.

Please follow and like us:
Follow by Email
Facebook
Youtube
Instagram
LinkedIn
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.